Il valore della produzione di vino in Italia – dati ISTAT 2020 per regione

nessun commento

Istat ha da poco aggiornato i dati sul valore aggiungo della produzione agricola. La rilevazione segnala per il 2020 un incremento dell’1% del valore della produzione agricola a 29.4 miliardi di euro. Per il vino, invece il dato (comprensivo della revisione dei dati degli anni scorsi) segnala un calo del 3.4% a 3.9 miliardi di euro. Il dato è il combinato della produzione di vino di circa 50 milioni di ettolitri e dei prezzi medi alla produzione. Se guardiamo i dati con un orizzonte temporale più lungo, diciamo 10 anni, le gerarchie si invertono e il settore vinicolo segna una dinamica ben superiore a quella del resto dell’agricoltura: 5% annuo contro +1.5%. Alcuni dati sono molto volatili, ma secondo ISTAT sono il Sud e il Nord-Est le due regioni più dinamiche nel decennio (mentre è vero il contrario per il 2020 sul 2019 in generale). Il maggior contributo a questi 3.9 miliardi viene dal Veneto, che rappresenta il 22% del valore (e il 24% dei volumi 2020, secondo i dati MIPAAF). Anche nel caso della Puglia, il contributo del valore del 12% è inferiore alla quota in ettolitri, del 18%. Per Toscana e Piemonte, ovviamente, vale il contrario. Passiamo ai dati in dettaglio nelle tabelle e grafici che seguono.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento marzo 2021

nessun commento

Stiamo entrando nella fase “turbolenta” dell’anno per quanto riguarda la base di confronto con lo scorso anno, caratterizzato dalle oscillazioni relative all’inizio del COVID. Il mese di marzo è stato positivo (+12%) e consente di chiudere il trimestre con un calo limitato al 4%. Il saldo sui 12 mesi è coerente con questo dato: -4.2%. Per molti osservatori, il rimbalzo delle esportazioni verso gli Stati Uniti (+17% in Marzo) è un segnale di stabilizzazione di questo mercato così importante per il nostro export (il 23% delle nostre esportazioni totali). Vedremo cosa succede nei prossimi mesi. L’unica osservazione che si può fare da chi legge i numeri è che marzo era il primo mese di confronto facile per le nostre esportazioni negli USA e altri ne seguiranno, particolarmente nel secondo e nel quarto trimestre dello scorso anno, quando i cali furono a doppia cifra. La seconda considerazione da fare sul primo trimestre la suggerisce il grafico qui sopra: le esportazioni italiane continuano a fare progressi nei paesi “di seconda fascia”, intendendo quelli fuori dai primi 5, che rappresentano in totale 544 milioni dei 1445 totali e che sono cresciuti del 5% nel primo trimestre. Passiamo ai dati.

Continua a leggere »

Sardegna – produzione di vino 2020 – dati ISTAT

nessun commento

Fonte: ISTAT (dati aggiornati a ultima release)

Vi posto oggi i dati della produzione di vino della Sardegna, che non aggiornavo con un post specifico dal 2016 a questa parte. I dati che vedete qui oggi sono coerenti con l’ultima release di ISTAT della produzione di vino, in cui viene elimitata la differenza tra vino e “vino senza mosti”, intendendo quindi che da ora in avanti si parlerà soltanto di vino compresi i mosti. Ora, io che seguo questi dati costantemente mi sono accorto che essendo la linea mosti ancora esposta, il totale delle voci DOC, IGT, vino da tavola e mosti non quadra con il dato totale, semplicemente perchè ISTAT ha “spalmato” il dato dei mosti sulle tre categorie ma poi non ha tolto la voce. Beh, ISTAT ha riconosciuto l’errore che ho prontamente segnalato (3 aprile) ma a oggi in cui scrivo questa nota (16 maggio) non ha ancora provveduto a correggere. Resta comunque il grande tema della mancanza di dati sulla produzione di vino italiana: da una parte il Ministero delle politiche agricole (MIPAAF) produce una tabella striminzita con quattro numeri in croce (produzione totale suddivisa per DOC, IGT, varietali e vini da tavola) che secondo gli esperti dovrebbe essere quella giusta (perchè costruita sulle dichiarazioni dei produttori). Dall’altra l’ISTAT propone una serie di dati dettagliatissima con la suddivisione bianco/rosso per le tre categorie e per regione (che sono poi quelle che trovate nella sezione Solonumeri del blog). Addirittura dal 2020 la suddivisione per regione si spinge fino alla provincia. Chi avrà ragione?

Tornando alla Sardegna i dati di produzione del 2019 e 2020 (dato che sono esattamente uguali, anche qui bisognerebbe chiedere a ISTAT che cosa ne pensa…) puntano su circa 630mila ettolitri di vino, un dato allineato alla media storica, mentre per l’Italia si parla nel 2020 di una vendemmia del 9% superiore alla media storica. Passiamo a commentare qualche dettaglio insieme.

Continua a leggere »

Svezia – importazioni di vino 2020

1 commento

Con un po’ di lentezza si sta popolando il database di UN Comtrade e siamo quindi in grado di coprire qualche “buco” relativo all’analisi del commercio estero. È oggi il turno della Svezia, di cui analizziamo le importazioni, che trovate anche in formato completo nella sezione Solonumeri del blog. La Svezia si è dimostrata un eccellente paese dove esportare vino anche nel 2020. È questa la combinazione di un’economia locale forte e di una risposta alla crisi COVID decisamente diversa da quanto fatto dagli altri paesi, senza lockdown duri e senza chiusure della ristorazione. E il risultato si vede i questi numeri: il 2020 sembra la naturale prosecuzione di un trend positivo, come se nulla fosse successo. Le importazioni, che di fatto corrispondono ai consumi non essendoci produzione locale, toccano il record storico di 732 milioni di euro, crescendo del 6%, addirittura più della media del 3-4% degli ultimi anni. I dati del vino italiano sono positivi, ma non quanto quelli del mercato: stiamo leggermente perdendo quota da qualche anno a questa parte, come potete chiaramente osservare dal grafico animato qui sopra. Passiamo ai dati.

Continua a leggere »

Cava – produzione e vendite, aggiornamento 2020

nessun commento

Come per lo Champagne, anche il vino Cava ha subito pesantemente la crisi COVID, segnando un calo del commercializzato 2020 del 14% a 215 milioni di bottiglie. Non abbiamo come per lo Champagne i dati a valore ma siamo su livelli non troppo distanti (circa -18% per lo Champagne). In confronto il nostro Prosecco con il suo -3% (in valore) ha fatto un figurone. Il Cava in realtà sarebbe anche andato un po’ meglio se non per la vera debacle del mercato domestico, calato del 25%, perchè il -6% dell’Europa e il -11% del resto del mondo sono perfettamente in linea con quanto ci si poteva attendere, visti i tempi e visto che il prodotto, comunque, non aveva un forte abbrivio come il Prosecco. Anche per gli spagnoli, i mercati scandinavi sono stati fonte di soddisfazione, mentre è sorprendente e positivo il leggero recupero messo a segno nel mercato inglese dopo la vera e propria debacle degli ultimi anni. Sperando che il grafico animato di sopra sia di vostro gradimento, passerei a qualche dato di dettaglio, anche relativo alla denominazione.

Continua a leggere »